Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
 

3 PROGETTI DI PORTATA INTERNAZIONALE: "CLUSTER1/EAST" - "ROCCHETTI CHILDREN PARK" - "SLOW FOOD"

3 PROGETTI DI PORTATA INTERNAZIONALE: "CLUSTER1/EAST" - "ROCCHETTI CHILDREN PARK" - "SLOW FOOD"
 
3 PROGETTI DI PORTATA INTERNAZIONALE: "CLUSTER1/EAST" - "ROCCHETTI CHILDREN PARK" - "SLOW FOOD"
 
3 PROGETTI DI PORTATA INTERNAZIONALE: "CLUSTER1/EAST" - "ROCCHETTI CHILDREN PARK" - "SLOW FOOD"
 
3 PROGETTI DI PORTATA INTERNAZIONALE: "CLUSTER1/EAST" - "ROCCHETTI CHILDREN PARK" - "SLOW FOOD"
 
3 PROGETTI DI PORTATA INTERNAZIONALE: "CLUSTER1/EAST" - "ROCCHETTI CHILDREN PARK" - "SLOW FOOD"
 
 
Il progetto
EXPO MILANO 2015: IL GRUPPO RUBNER PROTAGONISTA  DI TRE PROGETTI DI PORTATA INTERNAZIONALE

NEWS:

video 2'30": Le realizzazioni RUBNER ad ExpoMilano2015: 01.05-31.10-2015 from Rubner Objektbau on Vimeo.



L’architettura in legno del Gruppo Rubner, sotto la guida del suo General Contractor Rubner Objektbau, ha aperto le porte dei Cluster Bio-Mediterraneo in soli due mesi. Malta e Montenegro sono stati, così, i primi paesi ad avviare, nell’ambito degli spazi Cluster, i lavori di allestimento all’interno dei propri padiglioni grazie all’unicità della formula vincente di Rubner. A EXPO MILANO 2015 Rubner è stato presente con altri due importanti progetti: i Rocchetti del Children Park e i tre padiglioni all’interno dello spazio dedicato a “Slow Food”.

EXPO MILANO 2015, l’Esposizione Universale che si è svolta dal 1° maggio al 31 ottobre 2015 è stata un’occasione unica e di respiro internazionale in cui l’architettura ha rivestito un ruolo di primo piano e dove hanno lavorato i massimi esperti del costruire sostenibile.

Nell’ambito dell’edilizia in legno, settore in sensibile crescita e sempre più protagonista nel mondo delle costruzioni, il Gruppo Rubner, pioniere e leader europeo nella progettazione e realizzazione di edifici residenziali e pubblici, ha portato ad EXPO MILANO 2015 la propria expertise con tre prestigiosi progetti.

La prima importante realizzazione riguardava quattro Cluster dedicati a Bio-Mediterraneo, Isole, Zone Aride e a Cereali e Tuberi che rappresentavano alcuni tra gli elementi più caratteristici di EXPO MILANO 2015.
Si trattava di spazi espositivi, per un totale di 43 edifici, con un unico tema condiviso attraverso un singolo progetto architettonico.
Il Gruppo Rubner, che ha messo in prima linea Rubner Objektbau, General Contractor del legno per eccellenza in Europa e interlocutore unico nella gestione dei progetti realizzati per EXPO MILANO 2015, ha assicurato tempi particolarmente rapidi di messa in opera.

Le strutture in legno dei Cluster, infatti, sono state montate in soli 2 mesi garantendo la consegna delle chiavi ufficiali del Cluster Bio-Mediterraneo - rispettivamente alle delegazioni del Montenegro (Padiglione P01) e di Malta (Padiglione P06) – con formula ‘chiavi in mano’ lo scorso 5 febbraio 2015.

L’eccezionale velocità di esecuzione garantita da Rubner ha così consentito a questi Paesi di avviare, per primi nell’ambito degli spazi Cluster, i lavori di allestimento all’interno dei propri padiglioni.

Si tratta di un successo significativo che testimonia e insieme conferma l’impegno di Rubner nel mantenere sempre alti standard di affidabilità e qualità, due concetti che si collocano perfettamente allineati allo stile dell’azienda.

Ogni spazio è stato costruito in modo personalizzato e caratterizzato da tratti distintivi tipici delle zone del mondo che rappresentano e da un’area comune dalle molteplici funzioni.
Il Cluster del Bio-Mediterraneo raggruppava i Paesi che si affacciano sul mare Nostrum: Albania, Algeria, Egitto, Grecia, Libano, Libia, Serbia, Malta, Montenegro, Tunisia e San Marino.
Il Cluster dell’Alimentazione e Nutrizione nelle Zone Aride ospitava i Paesi che affrontano i problemi della desertificazione e del clima arido. Tra i Paesi che rientrano in quest’area, l’Eritrea, i territori Palestinesi, la Mauritania e il Senegal.
Il Cluster dedicato a “Isole, Mare e Cibo” raggruppava tutti i piccoli Paesi che occupano isole o arcipelaghi accomunati da ecosistemi legati all’Oceano e da una dieta basata sullo sfruttamento sostenibile delle risorse marine come Capo Verde, Maldive, Isole Comore e i Paesi caraibici.
Infine, il Cluster dei “Cereali e Tuberi” era la rappresentazione di una valle dedicata a un itinerario tra i cereali e i tuberi del mondo. Tra i Paesi che raccontano la propria economia agricola: Bolivia, Haiti, Mozambico, Togo, Congo e Zimbabwe.

La seconda realizzazione prevedeva il coinvolgimento di Rubner Objektbau nella realizzazione del “Children Park”. Il contratto è stato siglato il 25 febbraio 2015 e prevedeva, nello specifico, la fornitura di 8 “Rocchetti”, elementi caratteristici in legno, certificato PEFC, con un diametro di 12 metri e un’altezza di 7,50 metri.
Tali elementi andavano ad allestire uno spazio dalle contaminazioni naturali che rimanda, dal punto di vista architettonico, ad un giardino con alberi dai grandi rami.
Un’area speciale e dedicata ai bambini che, grazie ai valori intrinseci del legno, era in grado di trasmettere e richiamare i valori della sostenibilità: dall’albero al legno, simboli di una crescita e di un futuro in armonia con la natura.

La terza realizzazione, firmata dal famoso studio di architettura Herzog & de Meuron, riguardava la fornitura da parte di Rubner di tre padiglioni all’interno dello spazio dedicato a “Slow Food” .
Rubner Objektbau aveva ottenuto l’aggiudicazione definitiva della gara il 5 febbraio 2015.

Il padiglioni erano localizzati in posizione strategica, alla fine del Decumano e all’ombra della collina mediterranea, erano tre distinti corpi di fabbrica che componevano, in pianta, un triangolo aperto. Gli edifici erano interamente in legno, certificato PEFC, e ricordavano le case agricole e le cascine di un tempo. All’interno dei tre edifici si potevano degustare i cibi “Slow food”.
L'inaugurazione dei Padiglioni Slow Food si era svolta il 19 maggio 2015 con il convegno "Save Biodiversity. Save the Planet. Meeting with Carlo Petrini and Jacques Herzog - Slow Food Expo 2015"

Grazie alle straordinarie proprietà del legno, materiale flessibile e versatile per qualsiasi tipo di costruzione, le tre realizzazioni a cura di Rubner - per un valore complessivo di 27 milioni, incluso l’incarico acquisito il 30.04.2015 per conduzione e manutenzione delle opere realizzate - erano in grado di interpretare e valorizzare l’identità e la filosofia di ciascuno di essi in un’ottica di personalizzazione degli spazi.

L’efficienza e la rapidità esecutiva del servizio completo offerto dal Gruppo Rubner sono assicurate dalla sua filiera produttiva verticale, formula unica e punto di forza distintivo a livello europeo. Un project management razionale ed esclusivo nel settore dell’edilizia in legno, in grado di assicurare anche un’ottimizzazione dei costi e dei tempi di realizzazione.
L’organizzazione dell’azienda garantisce un vantaggio competitivo per i clienti grazie alla sua formula “chiavi in mano” che parte dalla fase di progettazione e consulenza e arriva alla consegna dell’edificio (inclusi: strutture, impianti, finiture, ecc.).

Nello sviluppo dei progetti per EXPO MILANO 2015, le competenze di Rubner Objektbau sono state affiancate a quelle di Rubner Holzbau, altro fiore all’occhiello del Gruppo specializzato in grandi opere in legno.

“Siamo molto orgogliosi di poter lavorare per EXPO MILANO 2015”, affermava Peter Rubner Presidente del Gruppo Rubner. “Viviamo questa opportunità come una nuova grande sfida che permetterà di affacciarci ad altri nuovi interessanti mercati ancora poco esplorati, come quello degli eventi temporanei, per cui la qualità garantita dal prefabbricato in legno rappresenta senza dubbio la soluzione perfetta”.
“L’interesse crescente verso l’impiego in edilizia di materiali naturali, primo fra tutti il legno, dimostra che si sta via via sempre più diffondendo una cultura più responsabile, attenta al benessere abitativo ma anche alla salvaguardia dell’ambiente”, concludeva Peter Rubner.


Sul Magazine online potete ritrovare i post creati durante la realizzazione delle nostre strutture.
Scheda del progetto - CLUSTER 1 / EAST
Dati tecnici e informazioni
Committente: EXPO 2015 S.p.A.
Cubatura: "Cluster1/East": 78.380 m³
Architettura: "Cluster1/East": Expo2015S.p.A., Politecnico di Milano e Cluster Project Working Groups (Cluster International Workshop, 2012) - "Rocchetti Children Park": Expo2015S.p.A.,FieraMilanoS.p.A.,ZPZPartners - "Slow Food": Expo2015S.p.A, Herzog & de Meuron
Tempo di costruzione: Maggio 2014 - Aprile 2015
 
Tempo di costruzione: 11 mesi
Clicca sui differenti mesi del progetto per seguirne lo sviluppo
2014
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre
 
2015
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre
 
 
COLLABORAZIONI

  • Rubner Objektbau ha commissionato a:
Barozzi S.r.l. la realizzazione delle opere in cartongesso, finitura interna e completamenti scenografici esterni per "CL1/East" e "Slow Food"

Grisenti S.r.l. la realizzazione dell'impianto elettrico e la predisposizione degli impianti speciali per "CL1/East" e "Slow Food"

PRE METAL S.p.A. la fornitura ed il montaggio di tutte le opere in carpenteria metallica e dei rivestimenti di facciata degli edifici in legno per "CL1/East"

dott. arch. Paolo Scoglio, titolare dello studio THE NEST, la funzione di Site Management per i cantieri di "CL1/East", "Rocchetti" e "Slow Food"
  • La progettazione esecutiva di "CL1/East" e "Slow Food" è stata effettuata da Sering s.r.l.


VIDEO







  • 04.2015 cantiere Rubner: i Tre Progetti "Cluster1/East" - "Children Park, Rocchetti" - "SlowFood"



    • 25.03.2015 Servizio telvisivo del TG di "Video33"


    • 22.07.2015 Trasmissione SKY “Eventi & Saloni-Slow Food"


  • 30.07.2015 Trasmissione SKY “Eventi & Saloni-Cluster1/East"


NEWS



MAGAZINE


 
Torna alla lista
 
 
 
 
 
 
© 2017 Rubner Objektbau GmbH | Partita IVA 02223110210 | Impressum | Cookie | Sitemap | D.Lgs.231/2001 | Privacy Vai a top
 
 
Newsletter RUBNER