Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
 

Expo Milano 2015 "CLUSTER1/EAST: BioMediterraneo - Isole, Mare e Cibo - Zone Aride - Cereali e Tuberi"

Expo Milano 2015 "CLUSTER1/EAST: BioMediterraneo - Isole, Mare e Cibo - Zone Aride - Cereali e Tuberi"
 
Expo Milano 2015 "CLUSTER1/EAST: BioMediterraneo - Isole, Mare e Cibo - Zone Aride - Cereali e Tuberi"
 
Expo Milano 2015 "CLUSTER1/EAST: BioMediterraneo - Isole, Mare e Cibo - Zone Aride - Cereali e Tuberi"
 
Expo Milano 2015 "CLUSTER1/EAST: BioMediterraneo - Isole, Mare e Cibo - Zone Aride - Cereali e Tuberi"
 
Expo Milano 2015 "CLUSTER1/EAST: BioMediterraneo - Isole, Mare e Cibo - Zone Aride - Cereali e Tuberi"
 
 
Il progetto
EXPO MILANO 2015 - CLUSTER1/EAST: “BIO-MEDITERRANEO”- “ISOLE, MARE E CIBO”- “ZONE ARIDE”- “CEREALI E TUBERI”



I padiglioni Cluster sono tra gli elementi più caratteristici di Expo Milano 2015. Si tratta di spazi espositivi che raggruppano oltre 70 Paesi attorno a un tema condiviso attraverso un unico ed innovativo progetto architettonico.

La tradizione familiare del Gruppo Rubner, con la competenza e i settori strategici che possiede, ha portato a ottenere questo prestigioso risultato costruendo i 43 edifici – che vanno a comporre i Cluster dedicati a “Bio-Mediterraneo”, “Isole, mare e cibo”, “Zone Aride” e a “Cereali e Tuberi” - in tempo record! In soli 2 mesi sono state montate le strutture in legno, grazie alla stretta collaborazione delle due aziende fiore all’occhiello del Gruppo Rubner: Rubner Objektbau e Rubner Holzbau


Rubner Objektbau, responsabile del progetto, ha consegnato a Expo 2015 S.p.A. i lavori finiti “chiavi in mano” (inclusi: strutture, impianti, finiture, ecc.) e questi sono stati messi a disposizione dei Paesi che espogono in tali edifici. Ogni spazio è costruito in modo personalizzato e caratterizzato da tratti distintivi tipici delle zone del mondo che rappresentano e da un’area comune dalle molteplici funzioni.
Il 5 febbraio 2015 Rubner Objektbau ha provveduto alla consegna delle chiavi ufficiali del Cluster “Bio-Mediterraneo” rispettivamente alle delegazioni del Montenegro (Padiglione P01) e di Malta (Padiglione P06). Si tratta dei primi Paesi che hanno potuto, grazie alla rapidità in fase esecutiva dell’opera, iniziare i lavori di allestimento all’interno del proprio Padiglione. Alla cerimonia di ufficializzazione, tenutasi a Milano presso il Cluster “Bio-Mediterraneo”, hanno presenziato le delegazioni rappresentanti dei Paesi del Montenegro e di Malta insieme a una delegazione della società Expo 2015. Si tratta di un successo significativo che testimonia e insieme conferma l’impegno di Rubner Objektbau nel mantenere sempre alti standard di affidabilità e qualità, due concetti che si collocano perfettamente allineati allo stile dell’azienda.

Il Cluster del “Bio-Mediterraneo” raggruppa i Paesi che si affacciano sul mare Nostrum, come: Albania, Algeria, Egitto, Grecia, Libano, Libia, Serbia, Malta, Montenegro, Tunisia e San Marino.
Il Cluster dell’Alimentazione e Nutrizione nelle “Zone Aride” ospita i Paesi che affrontano i problemi della desertificazione e del clima arido. Tra i Paesi che rientrano in quest’area, l’Eritrea, i territori Palestinesi, la Mauritania e il Senegal.
Il Cluster dedicato a “Isole, Mare e Cibo” raggruppa tutti i piccoli Paesi che occupano isole o arcipelaghi accomunati da ecosistemi legati all’Oceano e da una dieta basata sullo sfruttamento sostenibile delle risorse marine come Capo Verde, Maldive, Isole Comore e i Paesi caraibici.
Infine, il Cluster dei “Cereali e Tuberi” è la rappresentazione di una valle dedicata a un itinerario tra i cereali e i tuberi del mondo. Tra i Paesi che raccontano la propria economia agricola: Bolivia, Haiti, Mozambico, Togo, Congo e Zimbabwe.

I Cluster:
- “Bio-Mediterraneo”:
• è un’area in cui si mescolano profumi e colori del Mar Mediterraneo, raggruppa i Paesi che si affacciano sul mare Nostrum e che condividono la comune dieta mediterranea
• l’area si compone di 12 edifici espositivi, 3 edifici tecnici e 4 chioschi affacciati su una piazza coperta da un pergolato
• dati:
o 7304 m2 di cui:
  2625 m2 (125 per unità) come “covered surface” progettati per spazi espositivi individuali (in totale 4750 m2 sui due livelli)
  4350 m2 per le aree comuni
  330 m2 come “covered surface” per le aree tecniche

- “Isole, Mare e Cibo”:
• si contraddistingue per il suo carattere esotico e raggruppa tutti i piccoli Paesi che occupano isole o arcipelaghi accomunati da ecosistemi legati all’Oceano e da una dieta basata sullo sfruttamento sostenibile delle risorse marine
• è composto da due edifici espositivi, un edificio tecnico, una zona degustazione, più una piazza coperta caratterizzata da frangisole di canne di bambù
• dati:
o 2535 m2 di cui:
  750 m2 come “covered surface” progettati per spazi espositivi individuali (in questo Cluster ci sono volumi unici a doppia altezza)
  1720 m2 per le aree comuni
  65 m2 come “covered surface” per le aree tecniche
- “Zone Aride”:
• il Cluster dell’Alimentazione e Nutrizione nelle Zone Aride mette il visitatore al centro di un paesaggio desertico e ospita quei Paesi che affrontano i problemi della desertificazione e del clima arido
• l’area si compone di 8 edifici espositivi modulari e di uno tecnico, posti attorno a una piazza coperta caratterizzata da cilindri cavi in policarbonato appesi a una struttura in acciaio
• dati:
o 4030 m2 di cui:
  1125 m2 (125 per unità) come “covered surface” progettati per spazi espositivi individuali (in totale 2125 m2 sui due livelli)
  2840 m2 per le aree comuni
  65 m2 come “covered surface” per le aree tecniche
- “Cereali e Tuberi”:
• è la rappresentazione di una valle dedicata ad un itinerario tra i cereali e i tuberi del mondo in cui i Paesi raccontano la propria economia agricola
• Questo Cluster è composto da 7 edifici modulari rivestiti di juta; il corridoio centrale è ricoperto da frangisole che accompagna verso una piazza coperta, caratterizzata da un grande camino, sulla quale si affaccia un edificio destinato a cucina
• dati:
o 3820 m2 di cui:
  1125 m2 (125 per unità) come “covered surface” progettati per spazi espositivi individuali (in totale 2250 m2 sui due livelli)
  2455 m2 per le aree comuni
  240 m2 come “covered surface” per le aree tecniche

EXPO MILANO 2015: IL GRUPPO RUBNER PROTAGONISTA DI TRE PROGETTI DI PORTATA INTERNAZIONALE

Potete seguire sul Magazine online il nostro cantiere
Scheda progetto
Dati tecnici e informazioni
Committente: EXPO 2015 S.p.A.
Cubatura: 78.380 m³
Architettura: Expo2015S.p.A., Politecnico di Milano e Cluster Project Working Groups (Cluster International Workshop, 2012)
Tempo di costruzione: Maggio 2014 - Aprile 2015
 
COLLABORAZIONI

  • Rubner Objektbau ha commissionato a:
Barozzi S.r.l. la realizzazione delle opere in cartongesso, finitura interna e completamenti scenografici esterni per "CL1/East"

Grisenti S.r.l. la realizzazione dell'impianto elettrico e la predisposizione degli impianti speciali per "CL1/East"
PRE METAL S.p.A. la fornitura ed il montaggio di tutte le opere in carpenteria metallica e dei rivestimenti di facciata degli edifici in legno per "CL1/East"

dott. arch. Paolo Scoglio, titolare dello studio THE NEST, la funzione di Site Management per il cantiere "CL1/East"
  • La progettazione esecutiva di "CL1/East" è stata effettuata da Sering s.r.l.


VIDEO








 
Torna alla lista
 
 
 
 
 
 
© 2017 Rubner Objektbau GmbH | Partita IVA 02223110210 | Impressum | Cookie | Sitemap | D.Lgs.231/2001 | Privacy Vai a top
 
 
Newsletter RUBNER